L'ARCHIVIO STORICO COMUNALE DI PENNE

Stampa  Giovedì, 16 Agosto 2012 21:11

L'Archivio storico del Comune di Penne è attualmente conservato presso un ampio locale in Via C. De Caesaris n. 18, nei pressi del "Parco del Sole", dove è confluito dopo una lunga e delicata operazione di recupero, inventariazione e digitalizzazione, che ha salvato il nostro patrimonio dal pericolo di dispersione.

La cooperativa "Archivi e Cultura" di Pescara s.c.a.r.l., grazie alla sensibilità degli amministratori del Comune e alle provvidenze di alcune leggi regionali, è pervenuta nell'anno 2002 all'ordinamento e all'inventariazione del fondo archivistico. Il complesso documentale è stato inventariato con il software Sesamo prodotto dalla regione Lombardia, ed è consultabile sia su supporto informatico che cartaceo. L'importante documentazione che narra la microstoria locale e i rapporti della città con istituzioni centrali e periferiche è stata messa a disposizione di un ampio pubblico che ne fruisce secondo le proprie necessità di ricerca.

La riproduzione digitale, ha riguardato solo documentazione del periodo di antico regime come le pergamene, il manoscritto di Nicola Giovanni Salconio, le lettere autografe di Margherita d'Austria, nonché gli ordini compilati nel 1571, un frammento del catasto antico ed il catasto del 1600. Tale documentazione è custodita, per motivi di sicurezza, nel caveau della locale Banca di Credito Cooperativo e costituisce una preziosa fonte di informazione dell'attività dell'Ente nel corso della sua evoluzione storica dal medioevo fino ai nostri giorni.

Infatti la documentazione conservata, comincia ad essere ricca e priva di vuoti a partire dalla fine del Trecento.

Il fondo archivistico del Comune di Penne comprende atti prodotti e ricevuti dall'Ente ed è organizzato in documentazione relativa al periodo preunitario e documentazione afferente al periodo postunitario, per una consistenza totale di 6773 unità archivistiche.

Presso l'archivio inoltre si trovano documenti prodotti da enti ormai estinti o uffici che svolgevano funzioni parallele a quelle del Comune, essi potevano essere istituzioni giudiziarie come l'Ufficio di conciliazione, oppure istituti dediti all'assistenza ai bisognosi come le Opere Pie nell'Ottocento o l'ENAOLI (Ente nazionale assistenza orfani del lavoratori italiani, creato nel 1941), tanto per fare qualche esempio. Sono in tutto 28 gli archivi aggregati prodotti da queste altre istituzioni per un totale di altre 6109 unità archivistiche.

Lo studio del complesso documentale è senza dubbio utilissimo per ricostruire le vicende storiche di Penne in ogni suo aspetto: politico, amministrativo, fiscale, civile, giurisdizionale e militare.

Valaddthis